Best Way of Your Business
You are here: HomeBlog Strategie di prezzo per eCommerce

Strategie di prezzo per eCommerce

 

Strategie di prezzo per eCommerce
by Vetim 1534 views

Nel mondo del retail online, per comprendere come gestire delle promozioni di successo e come prezzare i prodotti in modo strategico non è sufficiente un corso di economia della domanda e dell’offerta. Le persone hanno una tendenza naturale a rispondere a certi tipi di prezzi, e questo è quello che noi chiamiamo “definizione psicologica dei prezzi”.

È stato dimostrato che la psicologia dei prezzi e degli sconti per l’e-commerce aumenta la quantità degli acquisti e dunque i ricavi della vostra attività. Oggi condivideremo alcuni consigli su come definire i prezzi e gli sconti dei vostri prodotti in modo da spingere i clienti a spendere di più per i vostri prodotti.

1. Prodotto GRATIS!

La sola parola “gratis” eccita i clienti, persino quelli che in partenza non avevano intenzione di spendere. Con promozioni del tipo “prendi due paghi uno”, si attira l’attenzione dei clienti. Anche se lo sappiamo tutti che niente è gratis, il concetto “prendi due paghi uno” (detto anche BOGO) ha un forte impatto sul comportamento dei clienti.

Un’altra tecnica “gratis” è quella della spedizione gratuita. Il concetto “Il prezzo che vedi è quello che paghi” influenza fortemente gli acquirenti online. La consapevolezza che durante l’acquisto non si dovranno pagare spese aggiuntive per la spedizione motiva i clienti a concludere l’acquisto.

2. La forza del numero 9

I principali retailer online e offline, come Wallmart, usano quello che noi chiamiamo il concetto dell’”attraente numero 9″. Oggigiorno, quasi ogni prezzo che vediamo online termina con 49, 99, 98. Questo è quello che gli psicologi chiamano l’”effetto della cifra a sinistra”, secondo cui i clienti tendono a concentrarsi sull’importo in CHF e, piuttosto che arrotondare per eccesso, arrotondano per difetto. Per esempio, un articolo prezzato a 49,99 CHF psicologicamente significa 49,00 CHF per un cliente, anziché entrare a far parte della fascia di prezzo “costosa” dei 50,00 CHF. Terminando i prezzi con il “9″, si attira l’attenzione degli acquirenti che potrebbero non cercare uno sconto. L’idea che il prezzo non è un numero intero tende a suggerire che l’articolo è scontato, anche quando non lo è.

3. Aumentare il valore per lo stesso prezzo

Che ci si creda o no, i clienti preferiscono ottenere di più allo stesso prezzo che ottenere uno sconto sul prodotto. Questo è il motivo per cui spesso si vede “33% in più” sui prodotti per l’igiene e sugli alimentari. Psicologicamente, “33% in più” suona meglio di “33% di sconto” sul prezzo dei prodotti.

4. Prezzi atipici

I prezzi atipici sono i prezzi in CHF che non si vedono spesso e che terminano con 5, 7, 8 o 9. Questo tipo di prezzi fa sembrare che il venditore abbia calcolato attentamente il prezzo del prodotto. Utilizzando questi prezzi si fa pensare ai clienti che sia stata impiegata una strategia per offrire un prezzo giusto per il cliente e il venditore, che ha abbassato il prezzo fino al minore prezzo possibile. Prezzi come 9,95 CHF, 9,97 €, 9,98 CHF e 9,99 CHF vengono utilizzati al posto di rendere il prezzo 10 €. Questa tecnica funziona anche quando si scontano i prezzi: abbassare il prezzo da 49 CHF a 38 CHF è più efficace che abbassarlo da 49 CHF a 40 CHF.

Scopri quale opzione è più adatta a te!

È consigliabile condurre un test A/B per controllare e vedere quali prezzi e sconti spingono di più i clienti all’acquisto. Prova le diverse tecniche in periodi diversi per vedere se il comportamento dei tuoi clienti cambia. Con PrestaShop è possibile impostare varie regole di prezzo per il proprio eCommerce e testare così le varie strategie di prezzo proposte nel nostro articolo. Siamo sempre a vostra disposizione per una consulenza mirata sugli eCommerce con PrestaShop. Siamo certificati PrestaShop da Maggio 2013.